I miei tempi interiori non sono quelli che l’industria sceglie per me e così nelle lunghe, forzate pause tra un film e l’altro cerco uno sfogo. Scarabocchio incessantemente, riempio fogli, cancello. Di notte mi capita di mettere la macchina da scrivere accanto al letto. Scrivo finché non mi addormento. Però mai quando giro un film; so fare solo una cosa alla volta.

Michelangelo Antonioni

Michelangelo Antonioni

Il primo settembre 1862, giorno del mio debutto, mi ritrovai in rue Duphot come ipnotizzata davanti ai manifesti dei teatri. Sul manifesto della Comédie si leggeva: Debutto di Sarah Bernhardt. Non so per quanto rimasi così, attratta dalle lettere del mio nome, ma ricordo che mi sembrava che ogni persona che si fermava mi guardasse dopo aver letto il manifesto e mi sentivo arrossire fino alle orecchie.

Sarah Bernhardt

Sarah Bernhardt