Il fulgore della gloria mi ha sempre lasciata indifferente: quando tutti la riconoscevano, io la trovavo noiosa, paralizzante e pericolosa. L’ho detestata. Contrariamente alla maggior parte degli attori e delle attrici, io detesto fare la “diva”, essere preda dei curiosi per la strada o all’aeroporto. La celebrità, che può modificare una personalità da cima a fondo, su di me non ha la minima presa.

Marlene Dietrich

Marlene Dietrich

Venivo dalla mia cara provincia con la memoria ricca di belle letture; ed ecco, vedevo, conoscevo, conversavo con uomini che avevo conosciuto solo per nome, nelle antologie! Ricordo che il giorno dopo della mia uscita dal Tempo, triste per la pericolosa disoccupazione, preoccupato per l’avvenire di mia madre e delle mie sorelle, mi giunse in dono da Gabriele D’Annunzio il bel volume della Francesca. Il dolore sparì, le preoccupazioni si mutarono in gaia attesa sicura. Fu felicità di breve durata; ma felicità vera.

Renato Simoni

Renato Simoni